Search La boutique VU   Focus Contact us Français
Agence VU - Massimo Siragusa
Massimo Siragusa



  See the photographer's map...

Books

Respirano i muri

Per Paolo Di Stefano il legame che unisce un uomo alla propria casa è qualcosa di profondo e fondante. Le case vengono arredate, vissute, curate e a volte abbandonate, assorbono gli odori, gli umori, i sentimenti, le vite di chi le abita e contemporaneamente le influenzano, diventando parte fondamentale della memoria più intima di un uomo. Il volume racconta questo rapporto a partire dalla descrizione della casa in cui è nato. Dalla Sicilia dove l'odore di peperoni arrostiti si mischia a quello delle muffe, alla Svizzera, dove resta impregnato nelle tende e nei tappeti che la madre mostra con fierezza ai parenti in visita. Le abitudini familiari sono descritte nei particolari, in gesti semplici e significanti messi in atto da personaggi reali, strettamente legati all'autore, con ironia ma anche un velo malinconico. Velo che si ispessisce nelle interviste che occupano la seconda parte del libro, dove protagonisti insieme agli ambienti sono persone costrette all'abbandono delle loro case. Di Stefano dà voce a emigranti, senzatetto, con la confidenza di un diario e la sottigliezza di un poeta. La casa che proteggeva dal caldo e dal freddo come una madre, gli utensili di cui ci si è presi cura, in uno scambio di utilità e attenzione quasi pari, come se anche arredi e suppellettili potessero penare della separazione, avere nostalgia. L'intreccio d'arte narrativa e visiva custodito nel libro esplora e rende reali le emozioni trattenute dalle mura domestiche. Mura fatiscenti, che respirano insieme ai corpi e si sbriciolano come le anime che hanno vegliato prima di lasciarle. Nelle immagini, luoghi straripanti di oggetti che restituiscono storie intime di persone assenti. Le parole affollano le immagini, che diventano la scenografia della narrazione, sottolineano un distacco potente, quasi luttuoso. Introduzione di Goffredo Fofi.
Text by: Paolo Di Stefano

Publisher: Contrasto (2018)
152 pages
Size: 16 x 22,4 cm  

Teatro d'Italia

Da che punto di vista Massimo Siragusa ha voluto ritrarre Italia? Sono foto di paesaggio? Sono scorci? Sono "ritratti di luoghi"? È un repertorio antropologico senza figure umane, o quasi? È un repertorio sull' architettura? Scorrendo queste immagini, una a una, esse risultano - pressoché tutte - adatte ad azioni teatrali. Non le immagino popolate di vita quotidiana, ma ripopolate da diverse performances. Il teatro svolge infatti, nello spazio, la funzione di un richiamo alla memoria: non popola lo spazio bensì lo rievoca, rievoca cioè l' evento, o gli eventi dai quali lo spazio nacque come spazio. Tutta la raccolta di Siragusa è percorsa da questa energia evocativa. L'Italia è terra di teatri, terra di eventi che, nella forza del loro stesso accadere, si sono scavati lo spazio della propria rappresentazione.
Text by: Lucas Dominelli

Publisher: Contrasto (2012)
150 pages
Size: 28x24 cm  

Credi

Le feste religiose in Sicilia nelle fotografie di Massimo Siragusa con un racconto inedito di Vincenzo Consolo e le poesie di Maria Attanasio.
In queste foto la terra di Sicilia diventa palcoscenico, teatro e anima della sua gente, dei suoi riti più antichi ed esteriori eppure più veritieri e intimi.
È la storia di un fuoco che è ancora acceso e che si riflette integro nell'adorazione, nella sofferenza, nella rassegnazione, nella ribellione e nell'euforia.
Suoni, grida, attese, processioni, suppliche, rivelazioni, travestimenti, misti alla frenesia di una coralità mistica ed estatica, sono un unicum indivisibile eppure perfettamente leggibile, nell'intimità della notte, come nella inquietudine dei cappucci, nel ritmo dei passi come nel silenzio della preghiera.La religione, colorata di paganesimo o fedelmente cristiana, oppure ancora logorata e contaminata da enigmi popolari, diventa espressione di un riconoscersi e di un partecipare liberatorio, crisma di un avvenimento sinuoso e coreografico, ripetitivo e assordante, ma mai uguale a se stesso.
Text by: Maria Attanasio, Vincenzo Consolo

Publisher: Sanfilippo (2003)
136 pages
Size: 24 x 18 cm  

Il cerchio magico

Luogo di suggestioni fantastiche, il circo continua a mantenere un fascino particolare. Spazio sospeso, tendoni, terra battuta e segatura, lustrini e biacca: tutto appare possibile. Massimo Siragusa ha lavorato sul circo seguendo sia le grandi produzioni che i piccoli tendoni. Un innovativo uso della macchina fotografica e una predilezione per la sperimentazione, hanno permesso la realizzazione di immagini straordinarie dove un trapezista, un elefante, un cavallo, sono stilizzati e trasformati nel loro stesso simbolo.
Text by: Siragusa Massimo

Publisher: Contrasto (2001)
76 pages
Size: 29x25 cm  

© Agence VU' - ABVENT Group 2018 | Legal notice

       

agencevu.com website is the exclusive property of Agence VU company. Its contents, works, pictures and texts are protected by laws and international conventions on copyright.

Every representation or reproduction, which infringes legislative clauses on intellectual property is illicit and could constitute an infringement.